Lasciato Saariselkä e il Kaslauttanen Igloo Village Artic Resort eccoci a Honningsvåg, Nordkapp – Capo Nord. La prima impressione è che rispetto ai mesi del turismo di massa del sole di mezzanotte, il paese sia un po’ come un parco dei divertimenti dopo l’orario di chiusura: il paese e le strade che portano a Capo Nord – Nordkapp non sono prese d’assalto dai turisti in bus, auto, camper, moto, bicicletta, il tutto è come svuotato, senza la confusione dei tanti turisti che prendono d’assalto il negozio di souvenirs alla ricerca di regali più o meno improbabili, senza i bus e le auto che fanno la spola tra Honningsvåg e Capo Nord fermandosi lungo il tragitto a fotografare le tante renne presenti. Tutto è più tranquillo, anche a Capo Nord – Nordkapp è tutto deserto e non essendoci più il sole di mezzanotte l’orario per entrare nella Nordcapehallen è quello ridotto ovvero dalle 11:00 alle 15:00.

Le strade sono deserte, solo qualche turista sporadico, e all’arrivo dell’Hurtigruten qualche bus che porta chi lo desidera a visitare il promontorio di Capo Nord – Nordkapp. Se ci si ferma lungo la strada e si spegne il motore dell’auto si sente davvero il silenzio rotto solo dall’eventuale vento: intorno distese senza nulla, niente alberi solo una striscia di asfalto e branchi di renne che sembrano non interessarsi della presenza umana.

Nonostante siamo probabilmente nel posto migliore per vedere l’aurora boreale in Scandinavia purtroppo il tempo non ci aiuta; l’isola è flagellata da un fortissimo vento e pioggia, l’acqua viene spostata dal vendo come fosse neve e nelle zone più esposte le nuvole basse scorrono lungo la strada con una velocità impressionante; proviamo un paio di sere ad appostarci visto una temporanea diminuzione della pioggia e delle nuvole ma è una speranza che dura poco, il vento porta velocemente il cielo ad essere completamente coperto e la pioggia riprende. Ci arrendiamo confidando nelle prossime serate.

Per tirarci un po’ su di morale ci dedichiamo quindi alla cucina locale; ad Honningsvåg si trova il King Crab House, un locale dove è possibile mangiare il granchio reale pescato direttamente in zona: assolutamente fantastico, te lo consiglio assolutamente; come antipasto ti direi anche di provare il carpaccio di balena, buonissimo. Il prezzo è in linea con il costo della vita in Norvegia, ma d’altronde se volevi un hamburger potevi non venire fino a Capo Nord 😉

Altro consiglio per il pernottamento è lo Scandic Bryggen di Honningsvåg, hotel della catena Scandic, in una ottima posizione, con camere belle e spaziose.

Infine la zona non offre solo Capo Nord che risulta essere l’attrazione principale; prenditi un po’ di tempo per fare una tappa anche a Kamøyvær, Gjesvær e Skarsvåg, piccoli paesini che valgono una visiti.

La mattina della partenza il tempo ci ha regalato una tregua e siamo riusciti a riprendere dall’alto Capo Nord – Nordkapp con il drone; buona visione!

Il viaggio continua.

Direzione Nordkapp

Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Ed ecco finalmente il King Crab! #kingcrabhouse #honningsvåg Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Nordkapp #visitnorway #nordkapp

Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Un grande classico #nordkapp #norway #visitnorway Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Gjesvær #norway #visitnorway #nordkapp

Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Turisti a Capo Nord #visitnordkapp #nordkapp #norway Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Turisti a Nordkapp #nordkapp #visitnordkapp #norway

Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Capo Nord dall’alto #visitnordkapp #nordkapp #visitnorway #norway Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Informatics teacher, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter - Snapchat: andrea.perotti
Translate »