La mia Allalin quest’anno inizia alle 12:30 di venerdì quando, uscito dal lavoro, lascio Lugano in direzione Saas-Fee; l’intenzione è quella di riuscire ancora a provare la pista della discesa di sabato. Arrivo al parcheggio a Saas ancora in tempo per un giro, mi cambio all’istante e infilati gli scarponi raggiungo Chico che mi aspetta in cima per un ultimo giro. Prendo il primo e il secondo impianto, ma il trenino sotterraneo che porta all’Allalin è ormai chiuso, sono le 16:30; scrivo a Chico di raggiungermi alla fine del primo tratto veloce, da dove iniziamo insieme la ricognizione del tracciato di gara.

La pista quest’anno ha subito due modifiche rispetto al solito; in alto, sul ghiacciaio, probabilmente perché vi sono crepacci aperti e a metà perché il canalino ha poca neve e non è stato possibile prepararlo, così si devia in direzione dell’arrivo di Morenia, passando a fianco del ristorante per poi tuffarsi giù sul muro del pistone che si raccorda poi sul fondo con il tracciato tradizionale; la pista è estremamente veloce e impegnativa, si viaggia sempre a velocità elevate. Facciamo un solo giro visto che tutti gli impianti nel frattempo hanno chiuso, poi torniamo in albergo.

Un meritato ralax poi il classico giro sopra a Saas Grund con B52 il cucciolo di Bernese di Chico quindi ci aspetta una cena a base di raclette e carne alla griglia che più buona non si poteva! Si torna in albergo a preparare gli sci per la gara del giorno dopo e finalmente a dormire, la sveglia suonerà alle 6:30.

Ed eccoci al giorno della gara: la giornata è perfetta, in alto neve bellissima, pista preparata nei minimi dettagli e Chico come suo solito ha sfornato degli sci velocissimi. Saliamo con Marcello che nel frattempo ci ha raggiunti sino all’Allalin e ci godiamo il paesaggio dal ristorante girevole circondati da imponenti 4000 sullo sfondo di un cielo azzurrissimo: uno spettacolo mozzafiato.

Alle 9:15 ci muoviamo e andiamo in partenza; giusto il tempo per qualche foto di rito e poi ci prepariamo; si parte a 15 secondi l’uno dall’altro e in un attimo è il nostro turno.

La neve non era velocissima ma comunque lungo il tracciato si toccavano velocità notevoli; io non ho tirato al massimo anche perché avevo visto la pista una sola volta e in più ho commesso anche due errori. Il primo sul salto: ci sono arrivato troppo piano; visto che il giorno prima c’erano stati 5 incidenti gravi ho rallentato, solo che ho rallentato troppo e in effetti potevo passare molto più deciso. Il secondo errore l’ho fatto dopo il passaggio di Morenia, sul muro finale in cui mi sono totalmente dimenticato di una porta e così quando l’ho vista sono stato costretto a tirare una frenata per rientrare. Così alla fine sono arrivato 209mo su 320 classificati, insomma anche se erano tutti discesisti molto forti si poteva fare di meglio!

In ogni caso va bene così, alla fine mi sono divertito e la gara mi è comunque piaciuta. Quest’anno devo dire che sono state tutte belle gare, con l’esperienza indimenticabile delle Olimpiadi dei Master a gennaio.

Appuntamento quindi al prossimo anno!

Allalin Rennen 2010 - Saas-Fee 17.04.2010

Allalin Rennen 2010 - Saas-Fee 17.04.2010

Allalin Rennen 2010 - Saas-Fee 17.04.2010

Super-Vier 2010

Allalin Rennen 2010 - La mia gara
Allalin Rennen 2010 - In attesa della gara

Informatics, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter – Snapchat: andrea.perotti

Translate »