Domenica scorsa si è disputata sulle nevi di Valtournenche la prima edizione della Reine Blanche, gara di discesa con partenza al colle inferiore di Cime Bianche a 2900 mt e arrivo in paese a Valtournenche a 1600 mt.

La gara era a squadre; noi eravamo in tre e siamo partiti con il numero 8. L’importante era riuscire a stare il più compatti possibile perché il tempo veniva calcolato in base al primo che partiva e l’ultimo che arrivava; si doveva tagliare il traguardo con la squadra compatta, nel caso che qualcuno fosse rimasto indietro il primo doveva comunque rallentare e aspettare.

Prima di tutto un grazie a Marcello e Gianni, che sono stati i miei compagni di squadra, per l’ottima gara che ci è valsa il primo posto!

Tracciato
La discesa avveniva lungo la pista 1, molto bella, caratterizzata per metà da un lungo tratto di scorrimento veloce e per l’altra metà dal pistone che porta in paese, ripido e impegnativo, con cambi di pendenza e curve ad esse che lo rendono assolutamente interessante. Peccato per la neve sul secondo tratto che già al mattino era in condizioni critiche per il caldo; in alto invece condizioni perfette.

Organizzazione
Erano alla loro prima esperienza in gare di questo tipo ed avevano il terrore che qualcuno potesse farsi male e l’hanno ripetuto in tutti i modi possibili prima della gara e alla riunione. Per questo motivo hanno deciso di rallentare molto i concorrenti sui tratti ripidi con una serie di porte stile gigante o super-g e addirittura una gabbia di reti sul pistone, prima della esse, per costringere i concorrenti a fermarsi e quindi a ripartire. In ogni caso hanno dato l’impressione di lavorare con grande entusiasmo per garantire lo svolgimento della gara nel migliore dei modi e devo dire che ci sono riusciti.

Osservazioni
Ci sono però alcuni aspetti che secondo me si possono migliorare per l’eventuale prossima edizione:

  • Ricognizione gara: non è stato possibile visualizzare il tracciato prima della gara. Nelle altre competizioni come questa a cui partecipo il giorno precedente viene preparato il tracciato completo e resta aperto e visibile a tutti ossia la pista non viene chiusa; si possono provare le linee, vedere dove e come passare ecc. ecc. Si poteva fare così anche questa volta, mi è parsa molto strana la decisione di non lasciare provare la pista e far scendere tutti alla cieca; normalmente la ricognizione serve anche per rendere più sicura la gara, non conoscere il percorso non è mai bello soprattutto se si scende per vincere. Per esempio c’era un punto in cui arrivando in velocità si saltava e farsi sorprendere dal salto perché non si è potuto provare e non si sapeva cosa c’era mi è parso un autogol rispetto alle numerose raccomandazioni sulla sicurezza.

  • Tracciato: in alcuni tratti, tipo alla partenza, erano state messe diverse porte per rallentare; però erano state messe tutte di un solo colore e potevano trarre in inganno, cosa che si è puntualmente verificata. Sarebbe stato meglio, e più chiaro, mettere le porte con colori alternati, come solitamente succede e soprattutto tracciare la pista con il colorante blu che delineasse chiaramente con linee spesse il percorso soprattutto nei cambi di direzione.

  • Regolamento: sempre per preservare la sicurezza (tema ricorrente) era presente la Polizia lungo il tracciato e nel regolamento veniva chiaramente ribadito che in caso di scorrettezze o irregolarità sarebbero stati presi provvedimenti anche a norma di codice. Mi è parso un tantino esagerato, considerando anche il fatto che non era chiaro quali erano le possibili scorrettezze; era una gara non una guerra senza esclusione di colpi tra avversari. Va bene tutelarsi ma magari un regolamento meno “minaccioso” per il prossimo anno ci potrebbe stare.

Detto questo devo dire che comunque è stata una manifestazione e una gara che mi è piaciuta, come ho già detto si percepiva lo sforzo e l’entusiasmo degli organizzatori nel cercare di fare tutto nel migliore dei modi; complimenti a tutti e aspettiamo l’edizione 2011 con i miglioramenti del caso, noi saremo ancora al via.

Reine Blanche - Valtournenche 11.04.2010

Reine Blanche - La premiazione
Reine Blanche 2010 - Riunione Tecnica

Informatics, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter – Snapchat: andrea.perotti

Translate »