Mi capita a volte di percorrere la strada che, nei pressi della Malpensa, va da Nosate a Tornavento; una strada stretta sulla quale quando sopraggiunge una macchina in senso contrario bisogna prestare attenzione. Per questo motivo dallo scorso anno è stata vietata la circolazione ai ciclisti, cosa sottolineata dalla presenza di numerosi cartelli sia in un senso che nell’altro.

Nonostante questo la strada continua ad essere percorsa dai ciclisti della domenica che mostrano le loro belle magliette colorate e le loro biciclette in carbonio, procedendo anche affinacati (con grande pericolo per tutti) come se a loro tutto fosse concesso e senza che mai abbia visto un controllo da parte della locale polizia.

Questa cosa prima mi ha stupito ma poi mi ha portato a pensare che probabilmente sono io che interpreto male le cose, prima di giungere ad affrettate conclusioni bisogna anche conoscere il contesto; probabilmente la causa di questo comporamento è dovuta ad altri fattori ovvero forse i ciclisti che circolano indisturbati sono analfabeti e non conoscono il significato dei cartelli, forse nella zona di Nosate non esistono regole quindi ognuno può fare ciò che vuole indisturbato, forse in generale in Italia ognuno in presenza di un divieto può decidere ciò che ritiene più opportuno fare. Insomma c’è sempre una spiegazione a tutto!

Ah dimenticavo: esiste una ciclabile lungo il canale adiacente la strada vietata, realizzata apposta per i ciclisti. 😉

Informatics, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter – Snapchat: andrea.perotti

Translate »