Oggi sulle nevi di Schladming si è assistito all’ennesimo capitolo in cui gli interessi e lo spettacolo hanno il soppravvento sulla sicurezza degli atleti, il buon senso e sullo sport. Gunther Hujara e Atle Skaardal, organizzatori del SuperG femminile che ha aperto i mondiali che si stanno disputando in Austria, dopo ben 13 rinvii e 3 ore e mezza di attesa da parte delle atlete, prendono la discutibile decisione di far partire la gara alle 14:30 del pomeriggio, per poi interromperla per la nebbia dopo la discesa di 36 atlete.\n\nLindsey Vonn, che si stava giocando l’oro, finisce la sua gara a terra urlando per il dolore lancinante dopo la spaventosa caduta dopo il salto, che le è costata una complessa lesione al ginocchio destro con completa rottura dei legamenti. Stagione terminata e addirittura possibile fine della carriera.\n\nMax Blardone così scriveva dopo l’indicente sulla sua pagina Facebook: “Che vergogna, ma quando la smetteranno di fare partire le gare di sci alle 3 di pomeriggio dopo tutta quell’attesa ?? Mi chiedo , ma com’è possibile non tenere in considerazione la sicurezza degli atleti addirittura fino a questo livello ??”\n\nNon sei l’unico a chiedertelo Max!\n\nSarebbe interessante sapere cosa invece si chiede la FIS o se per la federazione è tutto nella norma!\n\n\n\n

Lamborghini Murcielago LP640 vs Align T-Rex 700 DFC vs Suzuki GSX-R1000
6 febbraio 2013: prova delle sirene

Informatics, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter – Snapchat: andrea.perotti

Translate »