Motore 1.6 turbo da 200 CV, cambio automatico a doppia frizione EDC a 6 rapporti con palette al volante , coppia massima di 240 Nm a 1.750 giri/min, da 0-100 in 6,7 secondi e 230 km/h la velocità massima. Queste le caratteristiche principali della nuova Clio R.S. che si differenzia in maniera netta rispetto al modello precedente sia per la meccanica che per quanto riguarda la carrozzeria ora a cinque porte.

Ho ritirato l’auto un mese fa, il mio modello è quello full optional, quindi Chassis Cup (a mio parere non si può farne a meno), cerchi da 18″, R-Link con telemetria completa con RS Monitor, sensori di parcheggio con telecamera posteriore, ecc; non sono più disponibili i sedili Recaro nemmeno come optional ma quelli di serie li ho trovati sufficientemente avvolgenti.

Esteticamente trovo indovinata la parte posteriore un po’ meno quella anteriore, salvo per la lama con relativo diffusore; in generale è comunque meno aggressiva e meno vistosa della precedente e nonostante il telaio Cup che rende l’assetto più rigido del 27% all’anteriore e del 20% al posteriore e ribassato di 5mm il confort è migliore della precedente grazie ai nuovi ammortizzatori con arresti idraulici. In ogni caso nonostante la maggior comodità il telaio mantiene la vettura praticamente incollata all’asfalto.

Internamente spicca il touchscreen da 7″ dell’R-Link che offre il controllo di: parametri della telemetria del motore e delle prestazioni (grazie all’RS Monitor), del navigatore, della telecamera posteriore di parcheggio, multimedia, telefono, applicazioni scaricabili dal sito Renault, mappe circuiti ecc. Il tutto controllabile in modo molto intuitivo e semplice o tramite comandi vocali.

Per quanto riguarda le prestazioni il pulsante RS permette di modificare la mappatura del cambio, il comportamento dell’ESP, la sensibilità dello sterzo e del pedale dell’acceleratore secondo tre impostazioni: Normale (per una guida tranquilla), Sport che rende più veloce il cambio sequenziale, più diretto lo sterzo e più reattivo e progressivo il pedale dell’acceleratore e Race che disattiva tutti gli automatismi (es. ESP) e imposta in modo completamente manuale il cambio. Devo dire che la modalità sport abbinata alla selezione manuale del cambio tramite le palette sul volante permette di divertirsi parecchio, il cambio sequenziale offre passaggi veramente ridotti (150 ms) e in rilascio dai tubi di scarico si sente il piacevole borbottio del ritorno di fiamma. Il motore turbo spinge forte fin da subito e non ha il “buco” di potenza in basso dell’aspirato precedente; abbinato al differenziale elettronico a scorrimento limitato e al telaio Cup assicura prestazioni veramente di rilievo. Ottimo l’impianto frenante che mi pare migliore del precedente. Infine c’è anche il Launch Control che gestisce la partenza da fermo assicurando uno scatto fulmineo e ottimale.

In realtà ero un po’ scettico quando ho deciso di cambiare la mia precedente Clio RS III che mi sembrava più bella, più cattiva e più performante rispetto alla nuova; sono però bastati pochi centinaia di chilometri per farmi cambiare idea! Personalmente trovo questa nuova Clio R.S. 200 EDC più divertente da guidare e con prestazioni maggiori rispetto alla vecchia; alla fine non mi sono pentito, anche in questo caso i tecnici di Renault Sport hanno fatto un buon lavoro!

Informatics, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter – Snapchat: andrea.perotti

Translate »