Dopo la giornata di ieri dedicata alla visita del National Arches Park, oggi è la volta di rientrare a Las Vegas: ci aspettano ca. 740 km di autostrada.

Dopo una sostanziosa colazione, prima di partire ci prendiamo un po’ di tempo per visitare Moab; lungo la strada principale troviamo locali e negozi caratteristici: ad esempio se sei un amante del West non puoi proprio farti sfuggire il Western Image dove troverai articoli che vanno dagli speroni e cinturoni con tanto di Pistole Colt annesse e ogni tipo di oggetto e abito del mondo Western, per poi passare a poca distanza all’assortimento intero per le videocamere GoPro oppure alle attrezzature complete per chi effettua arrampicate. Non manca ovviamente la possibilità di noleggiare una Jeep o un quad appositamente modificati per affrontare i percorsi sterrati della zona. Tutto è concentrato lungo la strada principale che attraversa la piccola cittadina, infatti nel giro di un’ora abbiamo visto tutto ciò che ci interessava.

Per non farci mancare nulla posteggiamo, in verità senza accorgerci come nella migliore tradizione turistica, in prossimità della colorazione rossa di divieto di sosta lungo il marciapiede ed ecco che al ritorno troviamo la puntale multa di 40 dollari sul parabrezza; andiamo a pagare e partiamo.

Il viaggio è lungo ma tutto in autostrada e il nostro SUV è come un salotto, i chilometri scorrono velocemente e senza problemi, impostiamo la velocità e ci godiamo i grandi panorami americani; facciamo due soste, la prima per mangiare in un Burger King in prossimità dell’autostrada e la seconda per fare il pieno.  L’ultimo tratto prima di Las Vegas è spettacolare: l’autostrada da cui arriviamo noi, la 15, corre un po’ più in alto rispetto alla città e visto che ormai è buio la distesa di luci di Las Vegas ci lascia a bocca aperta. In un attimo eccoci nuovamente al Vdara, lasciamo l’auto ai ragazzi del valet e siamo pronti per goderci l’ultima serata a Las Vegas; con calma ceniamo e poi ci lasciamo avvolgere dalle 1000 luci e attrazioni della Strip, proviamo la fortuna nelle slot dei diversi casinò, ovviamente perdendo tutto ciò che puntiamo 😉

Rientriamo in piena notte in hotel, domani sera ci aspetta il volo di ritorno.

Utilitarie e camioncini

Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Buonasera! La vista da qui #lasvegas #Vdara #cornersuite

Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Las Vegas by night #lasvegas

Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Bellagio #lasvegas

Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Las Vegas - Milano Malpensa - 16 ottobre 2014
Alan Friedman: Dietro le quinte di un mondo che cambia. Analisi di un osservatore globale

Informatics, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter – Snapchat: andrea.perotti

Translate »