Si è corsa sabato scorso, 23 gennaio 2016, la 73ma edizione dell’Inferno Mürren, tradizionale e famosa gara di discesa libera di sci il cui percorso prevede la partenza ai piedi dello Schilthorn – Piz Gloria (2970 m) e arrivo 15 km dopo a Lauterbrunner (800 m).

Quest’anno il percorso dell’Inferno Mürren era ridotto, partenza classica da Schilthorn – Piz-Gloria ma arrivo a Winteregg, quindi senza la strada del rientro fino a Lauterbrunner. Come al solito il venerdì è dedicato alla prova della pista, a velocità ridotta come prevede il regolamento; giornata stupenda, io mi trovo con Chico e Paolo con i quali saliamo fino al Piz-Gloria, non senza una lunghissima coda alla funivia, per provare una volta la parte alta e un paio di volte la parte centrale fino a Winteregg; quindi lasciamo gli sci da discesa per passare a quelli da gigante e cambiamo comprensorio.

Saliamo a Wengen quindi a Mannlichen per affrontare, dopo aver pranzato ai piedi dell’Eiger, la bellissima pista che porta a Grindelwald. Risaliamo con il trenino fino a Kleine Scheidegg e prendiamo, a 5 minuti dalla chiusura, la seggiovia che ci porta alla partenza della mitica pista di discesa libera di coppa del mondo del Lauberhorn che affrontiamo fino a Wengen dove riprendiamo il trenino che ci porta a Lauterbrunner; scendiamo dal treno per salire sul bus e dopo pochi minuti siamo in hotel dove troviamo Marcello che è arrivato nel pomeriggio. Cena e poi Chico si mette all’opera per preparare gli sci per la gara del giorno dopo.

Ci svegliamo all’alba e il tempo non è dei migliori, in alto la visibilità è pari a zero, con anche una debole nevicata. Risaliamo fino a Birg dove ci fermano, la partenza è rimandata di due ore; le funi della funivia che si immergono nella nebbia verso Schilthorn non lasciano grandi speranze che le cose possano migliorare a breve. Un’ora dopo però il tempo sembra migliorare, le nubi si diradano e esce il sole, l’inferno Mürren 2016 può partire. Aspettiamo il nostro turno per salire al Piz Gloria; una volta in cima ci prepariamo e poi andiamo alla partenza. Io, Chico e Marcello partiamo uno dietro l’altro: la mia gara è stata abbastanza incolore poiché poco dopo Obere Hübel si entrava nella nebbia e mi sono ritrovato con gli occhiali gelati, quindi con visibilità compromessa. Ho rischiato di dovermi fermare prima di riuscire a vedere di nuovo normalmente. In ogni caso in un modo o nell’altro sono riuscito anche a questa volta ad arrivare al traguardo e con mia sorpresa a rientrare nel gruppo del bronzo.

Anche quest’anno l’Inferno Mürren è stato completato! Appuntamento al prossimo anno!

Prossima gara: Parsenn Derby Davos 2016.

Me and my friend James #schilthorn #infernorennenmürren #infernorennen2016 #infernorennen #007

Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Direzione Schilthorn: pronti per l’Inferno #infernorennenmürren #infernorennen2016 #infernorennen

Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

E anche quest’anno l’inferno è fatto! #infernorennen #infernorennenmürren #infernorennen2016

Una foto pubblicata da Andrea Perotti (@andreaperotti) in data:

Informatics, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter – Snapchat: andrea.perotti

Translate »