Sono appena tornato a Lugano dopo un convegno in Italia, precisamente a Montichiari, vicino a Brescia.

Questa mattina in albergo chiedo alle signorine all’entrata se era possibile collegarsi alla rete Wireless; mi rispondono gentilmente che era sicuramente possibile, tramite l’acquisto di un “gettone” TIN pagabile comodamente con carta di credito on-line, dopo chiaramente aver lasciato il proprio nome cognome, accettato i termini del servizio ecc. ecc. Il tutto alla modica cifra di 4.95 Euro per 5 ore oppure 14.95 Euro per 24 ore… un affare!

All’iWordCamp di due settimane fa a Milano per potersi collegare ad Internet gli organizzatori richiedevano un documento d’identità per la registrazione, così prevede la legge Italiana!

Qualche giorno fa ero in centro a Lugano e senza che nessuno mi chiedesse nulla mi son collegato alla rete Wireless gratuita della città e mi son letto la posta e così facevo quest’inverno in giro negli alberghi della Svizzera quando nei fine settimana partecipavo alle gare di sci oppure lo scorso anno in Scandinavia quando in qualsiasi albergo o biblioteca mi trovassi mi consegnavano il codice per il Wireless senza nulla volere in cambio e senza registrazione alcuna, senza contare le reti libere nelle città…

Tutto ciò mi fa sorridere…

Technorati technorati tags: , ,

Informatics, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter – Snapchat: andrea.perotti

Translate »