Alcuni uffici federali e cantonali hanno pubblicato congiuntamente l’opuscolo “Storie di Internet…che nessuno vorrebbe vivere”. Queste storie a fumetti presentano alcune situazioni pericolose tipiche del web, aiutano a riconoscerle e ad evitarle. Con esse si intende aumentare la sicurezza e la fiducia della popolazione nell’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC).

Internet, il computer e il telefono cellulare fanno ormai parte della vita quotidiana di ogni persona in Svizzera. I vantaggi derivanti dall’utilizzo di Internet sono tuttavia sempre accompagnati da pericoli. A differenza di quando si passeggia per strada, in rete gli angoli bui non si vedono subito.

“Storie di Internet” è una serie di storie a fumetti che raccontano fatti spiacevoli della nostra vita insieme alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) – così come li conoscono gli uffici federali e cantonali attraverso la propria esperienza quotidiana. I fumetti parlano, ad esempio, del trasferimento dei dati personali, delle attività criminali in Internet, dell’insufficiente tutela dei bambini e dei giovani, di consumatori truffati, di computer e reti WLAN non protetti. In corrispondenza di ogni storia vengono indicati i link di organizzazioni che possono fornire informazioni più dettagliate sull’argomento in questione.

Si tratta di storie accadute, ad esempio, a genitori, bambini, ragazzi, polizia e impiegati. I fumetti mostrano come chiunque, sia esso giovane o anziano, può incappare nei pericoli di Internet.
Le storie sono pubblicate in Internet e scaricabili, ma è anche possibile ordinarle in forma di opuscolo. Sono disponibili in tedesco, francese, italiano, romancio e inglese. Su richiesta e dietro indicazione della fonte, è possibile ottenere file in formati specifici per una ulteriore pubblicazione.

Per aiutare la popolazione a difendersi dai pericoli esistenti e consentirle quindi di sfruttare al meglio le nuove tecnologie nella vita di tutti i giorni, gli uffici elencati qui di seguito hanno pubblicato insieme le “Storie di Internet”:

– Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM)
– Centrale d’annuncio e d’analisi per la sicurezza dell’informazione (MELANI)
– Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT)
– Servizio di coordinazione per la lotta contro la criminalità su Internet (SCOCI)
– Ufficio federale del consumo (UFDC)
– Prevenzione svizzera della criminalità (PSC)

La pubblicazione di “Storie di Internet” è una delle misure contenute nel progetto “Sicurezza e fiducia”, presentato al Consiglio federale l’11 giugno 2010. Esse mirano ad aiutare la popolazione e le PMI nell’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) consapevole e conforme alla legge. Si intende contemporaneamente rafforzare la fiducia nelle TIC. La loro attuazione è diretta dal Servizio di coordinamento Società dell’informazione dell’UFCOM congiuntamente a diverse organizzazioni del settore.

Informazioni
Ka Schuppisser, Servizio di coordinamento Società dell’informazione UFCOM,
Tel. 032 327 56 31

Per saperne di più
Storie di Internet…che nessuno vorrebbe vivere (con ordinazione): www.storiediinternet.ch

Siti web degli uffici responsabili
– Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) www.ufcom.admin.ch
– Ufficio federale del consumo (UFDC) www.consumo.admin.ch
– Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT) www.edoeb.admin.ch
– Centrale d’annuncio e d’analisi per la sicurezza dell’informazione (MELANI) www.melani.admin.ch
– Servizio di coordinazione per la lotta contro la criminalità su Internet (SCOCI) www.scoci.ch
– Prevenzione svizzera della criminalità (PSC) www.skppsc.ch

Progetto “Sicurezza e fiducia”
www.ufcom.addmin.ch

Technorati technorati tags:

La montagna: in vetta oltre gli 8'000 metri
Disabilitare i (lunghi) backup di iTunes

Informatics, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter – Snapchat: andrea.perotti

Translate »