WordPress permette di assegnare agli utenti cinque ruoli standard, ovvero:

  • Amministratore: controllo completo
  • Editore: controllo completo su articoli e pagine anche non create da lui
  • Autore: può creare, modificare e pubblicare gli articoli scritti da lui stesso
  • Collaboratore: può scrivere articoli ma la pubblicazione degli stessi deve essere fatta da un utente Amministratore, Editore o Autore
  • Sottoscrittore: non ha diritti operativi di nessun tipo, viene creato normalmente per accedere a zone riservate, iscrizioni a newsletter, registrazione al sito, ecc.

Se è necessario modificare o creare nuovi ruoli nel dettaglio per impostare agli utenti i singoli permessi si può ricorrere a plug-in; te ne segnalo un paio, che tra l’altro sono quelli che utilizzo io:

Members: permette di gestire nel dettaglio i ruoli esistenti o di crearne di nuovi, gestire l’accesso ai contenuti, attivare un widget per l’eventuale login utente o rendere privato il proprio sito.

User Role Editor: permette di gestire i ruoli esistenti o di crearne di nuovi oppure di personalizzare i singoli permessi utente per utente tramite un link presente nel profilo dell’utente stesso. Disponibile in versione gratuita o Pro a pagamento.

Informatics teacher, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter - Snapchat: andrea.perotti
Translate »