C’è voluto un intero mese (!!!), dall’entrata in vigore dell’Ecopass per l’accesso nella cerchia dei bastioni milanesi, perchè il Comune di Milano per voce dell’assessore Edoardo Croci riuscisse finalmente a chiarire se le auto targate Svizzera debbano pagare o meno la tassa d’entrata nel centro di Milano.

Ecco qui il comunicato che chiarisce che anche le auto Svizzere dovranno pagare:

“Anche i cittadini svizzeri dovranno pagare l’Ecopass per entrare nella Cerchia dei Bastioni. Il Comune ha definito la tabella di equiparazione delle targhe elvetiche al sistema di classificazione Euro, applicato in tutti i paesi dell’Unione europea e utilizzato per la ripartizione dei veicoli nelle cinque classi di inquinamento Ecopass e per l’assegnazione della tariffa corrispondente.

Da una prima stima la percentuale complessiva di targhe straniere in ingresso nell’area Ecopass è inferiore allo 0,5%, corrispondente a poche centinaia di auto.
Per quanto riguarda la Svizzera, a partire dal 2001 viene indicato sulle licenze di circolazione un “codice di emissione”, cioè una sigla (B e E + numero) relativa agli standard emissivi del veicolo, che viene appunto equiparato alle classi di inquinamento Ecopass, che è basato sul sistema di classificazione Euro.

I veicoli svizzeri che non dovranno pagare Ecopass sono quelli non inquinanti a metano, GPL, elettrici e ibridi e i veicoli a benzina e diesel, sia per il trasporto di merci che per il trasporto di persone, dovranno avere il codice emissione B03 e B04 e il codice emissione E03/EURO03, E04/EURO04 e E05/EURO05.
Tutti gli altri saranno soggetti al provvedimento.”

Questo il comunicato ufficiale

Questa la tabella comparativa

Resta da capire come gestiranno l’archivio delle targhe Svizzere, ma sicuramente ci si può aspettare che si affideranno ad un sistema infallibile a prova di errori

Technorati technorati tags: , , , , ,

Informatics, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter – Snapchat: andrea.perotti

Translate »