Secondo il comunicato stampa rilasciato da EASA il 24 giugno scorso, Volocopter è la prima azienda a ricevere un certificato per un suo drone da utilizzare per uno scopo particolare. Nello specifico Volocopter vorrebbe rendere operativo il servizio taxi dei passeggeri entro i prossimi cinque anni, ma potremmo vedere i droni di Volocopter all’opera già durante le Olimpiadi di Parigi del 2024.

Un rapporto di verifica del progetto approva un drone per un particolare tipo di utilizzo, il che significa che qualsiasi operatore europeo può richiedere all’autorità aeronautica nazionale un’autorizzazione operativa nella categoria specifica per condurre tale attività con tale drone, senza la necessità di ulteriori verifiche aggiuntive da parte di AESA. Questo processo è stato delineato nelle linee guida EASA per la verifica della progettazione dei droni pubblicate l’8 aprile 2021.

Volocopter ha presentato domanda il 31 maggio 2021 per la verifica del progetto della sua funzione di contenimento avanzata per il VC200-2. Con il certificato, il drone può ora essere utilizzato in un’area a basso rischio chiaramente delimitata, anche se questa zona si trova vicino a un’area in cui le operazioni dei droni sono a maggior rischio, come una città o uno stadio sportivo.

“Il breve tempo necessario per emettere il rapporto di verifica del progetto dimostra che l’EASA è in grado di sviluppare strumenti flessibili che si adattano al rischio dell’operazione dei droni e alle esigenze del mercato”, ha affermato il direttore esecutivo dell’EASA Patrick Ky.

Nel frattempo, come testimonia il video allegato, a Parigi sono partiti i voli di prova!

Far volare un drone in Europa - Il nuovo regolamento EASA
Utilizzare UTM per creare macchine virtuali Windows 10 su Mac con processore Apple M1
Translate »