Spesso mi chiedono chiarimenti su quali siano le nuove norme Europee EASA per quanto riguarda i droni e come fare per pilotare il proprio drone in regola nel proprio Stato e in Europa; guardiamo quindi cosa dice l’attuale normativa.

I regolamenti UE 2019/947 e 2019/945 definiscono il quadro normativo dei droni nei cieli europei (Stati membri dell’UE e dell’EASA). Adottano un approccio basato sul rischio e, in quanto tali, non distinguono tra attività ricreative e commerciali. Tengono conto del peso e delle specifiche del drone e dell’operazione che è destinato a svolgere.

Il Regolamento UE 2019/947, che è entrato in vigore il 30 dicembre 2020, si occupa della maggior parte delle tipologie di operazioni e dei relativi livelli di rischio. Definisce tre categorie di operazioni: le categorie Open, Specifica e Certificata.

La categoria Open riguarda le operazioni nella fascia di rischio inferiore, in cui la sicurezza è garantita a condizione che l’operatore del drone soddisfi i requisiti pertinenti per l’operazione prevista. Questa categoria è suddivisa in tre ulteriori sottocategorie denominate A1, A2 e A3. I rischi operativi nella categoria “aperta” sono considerati bassi e quindi non è richiesta alcuna autorizzazione prima di iniziare un volo.

La categoria Specifica copre le operazioni più rischiose, in cui la sicurezza è garantita dall’operatore del drone che ottiene un’autorizzazione operativa dall’autorità nazionale competente prima di iniziare l’operazione. Per ottenere l’autorizzazione, l’operatore del drone è tenuto a condurre una valutazione dei rischi per la sicurezza, che determinerà i requisiti necessari per il funzionamento sicuro del/i drone/i.

Nella categoria Certificata, il rischio per la sicurezza è così alto che è richiesta la certificazione dell’operatore del drone e dell’aeromobile per garantire la sicurezza, nonché la licenza del pilota o dei piloti remoti.

Cosa richiede la normativa EASA?

  1. L’operatore deve registrarsi presso l’Autorità Aeronautica del paese in cui risiede o nel quale ha la sua maggiore attività, ottenere il proprio QR code e attaccarlo su tutti i proprio droni. Questo l’elenco delle Autorità Aeronautiche Nazionali. Non è richiesta registrazione se il drone:
    • pesa meno di 250g e non ha fotocamera o altro sensore in grado di rilevare dati personali;
    • anche con una fotocamera o altro sensore, pesa meno di 250 g, ma è un giocattolo (ciò significa che la sua documentazione mostra che è conforme alla Direttiva ‘giocattolo’ 2009/48/CE);
  2. Il pilota deve avere le necessarie competenze a seconda delle operazioni che svolge; per questo dovrà ottenere un attestato seguendo un corso (online o in presenza) e superando un esame online; nel caso della categoria Open, a seconda della tipologia di operazione si dovrà conseguire l’attestato A1/A3 o A2 (valido per svolgere le operazioni secondo quanto descritto nelle tabelle della categoria Open sottostante). L’esame viene organizzato dalle Autorità Aeronautiche Nazionali.

Se vuoi seguire uno dei migliori corsi in circolazione e ottenere gratuitamente il patentino A1/A3, qui spiego come fare.

Categoria Open

La categoria Open rappresenta la maggior parte delle attività di droni per il tempo libero e delle attività commerciali a basso rischio.

La categoria Open è a sua volta suddivisa in tre sottocategorie – A1, A2, A3 – che possono essere così riassunte:

  • A1: sorvolare persone ma non assembramenti di persone;
  • A2: volare vicino alle persone;
  • A3: volare lontano dalle persone.

Ogni sottocategoria è dotata di una propria serie di requisiti. Pertanto, nella categoria Open, è importante identificare la sottocategoria di operazioni in cui rientreranno le attività, per determinare quali regole si applicano e il tipo di formazione che deve essere seguita.

La tabella seguente (Figura 1) descrive le regole che si applicano alle classe dei droni senza una etichetta di identificazione (C0, C1, C2, C3, C4) che saranno disponibili solo nell’arco dei prossimi anni; per tale motivo questa tabella resterà in vigore fino al 1 gennaio 2023.

Per maggiori informazioni è possibile consultare le pagine EASA con gli Avvisi informativi sui droni  (C0, C1, C2, C3, C4) oppure le FAQ generali sulla normativa o le FAQ per la categoria Open che contengono tutte le informazioni per essere pienamente conforme con la normativa.

categoria aperta

Quando i droni con un’etichetta di identificazione della classe da C0 a C4 saranno disponibili sul mercato, si seguiranno le regole nella tabella seguente, che entrerà in vigore dal 1 gennaio 2023:

categoria aperta2

Se dopo il 1 gennaio 2023 hai un drone acquistato prima di tale data, potrai comunque utilizzarlo nella sottocategoria A1 se il suo peso è fino a 250 g e nella sottocategoria A3 se il suo peso è fino a 25 kg.

* L’età minima può essere abbassata dallo stato a 12, nel qual caso, questa nuova soglia sarà valida solo in quello stato.

Categoria Specifica

La  categoria Specifica occupa delle operazioni più rischiose non comprese nella categoria Open. Per operare in questa categoria, tu, come operatore di droni, hai bisogno di un’autorizzazione operativa da parte dell’Autorità Nazionale dell’Aviazione dove sono registrati, a meno che l’operazione non sia coperta da uno Scenario Standard.

Lo Scenario Standard (STS) è un’operazione predefinita, descritta in un’appendice al regolamento UE 2019/947. Ad oggi sono stati pubblicati due STS, STS 1 e STS 2, che richiedono l’utilizzo di un drone con etichetta identificativa di classe rispettivamente C5 o C6. Se l’operazione rientra nell’STS e il tuo drone porta questa etichetta di identificazione di classe, puoi inviare una dichiarazione alla NAA dove sei registrato e attendere solo la conferma di completezza e ricezione.

Se la tua operazione non è coperta da un STS e non rientra nella categoria aperta, devi avere un’autorizzazione operativa prima di iniziare l’operazione. Ciò fornisce flessibilità e soddisfa i molti tipi di operazioni. Sono previsti due approcci alternativi:

  • Valutazione del rischio dell’operazione prevista: l’operatore di droni è tenuto a condurre una valutazione del rischio dell’operazione prevista utilizzando la metodologia nota come SORA (vedi AMC1 all’articolo 11 del regolamento 2019/947) o una metodologia equivalente accettata dalla NAA, e presentare la valutazione del rischio e tutti i mezzi identificati per mitigare il rischio e rispettare gli obiettivi di sicurezza operativa alla NAA. Se la NAA è soddisfatta delle informazioni fornite, la NAA rilascerà un’autorizzazione all’operazione.
  • Una valutazione del rischio predefinita (PDRA): questa è una forma di semplificazione per gli operatori UAS. L’EASA pubblica il PDRA come AMC nel regolamento UAS. Per un elenco dei PDRA pubblicati finora, fare riferimento al GM1 all’articolo 11 del regolamento 2019/947 . È intenzione dell’EASA pubblicare nei prossimi anni diversi PDRA per le operazioni più comuni in Europa. Se l’operazione che intendi condurre è coperta da uno dei PDRA pubblicati, invece di condurre una valutazione completa del rischio puoi seguire le istruzioni nel PDRA e preparare la documentazione a supporto della domanda da presentare di conseguenza alla NAA.

Il Regolamento offre anche un’altra alternativa: il certificato di Operatore UAS Leggero (LUC) . Tu come operatore UAS puoi decidere di chiedere alla NAA di valutare la tua organizzazione e dimostrare la conformità ai requisiti definiti nella sottoparte C del Regolamento 2019/947 . La NAA può, in varia misura, concederti il ​​privilegio di autovalutare il rischio del suo funzionamento e auto-autorizzarlo.

In base all’esito della valutazione del rischio, l’autorità competente può richiedere l’utilizzo di un drone il cui progetto è verificato dall’EASA tramite un rapporto di verifica del progetto.

Le FAQ EASA dedicate alla categoria specifica contengono tutte le informazioni per essere pienamente conforme con la normativa.

Categoria Certificata

La categoria Certificata si rivolge alle operazioni con il più alto livello di rischio. I futuri voli con droni con passeggeri a bordo come ad esempio gli aerotaxi, rientreranno in questa categoria. L’approccio utilizzato per garantire la sicurezza di questi voli sarà molto simile a quello utilizzato per l’aviazione con equipaggio.

Per questo motivo, questi aeromobili dovranno sempre essere certificati (cioè avere un certificato di tipo e un certificato di aeronavigabilità), l’operatore UAS avrà bisogno di un’approvazione di operatore aereo rilasciata dall’autorità competente e il pilota remoto è tenuto a possedere una licenza di pilota . A lungo termine, si prevede che il livello di automazione dei droni aumenterà gradualmente fino ad avere droni completamente autonomi senza la necessità dell’intervento di un pilota remoto.

Per consentire le operazioni nella categoria certificata sarà necessario modificare quasi tutti i regolamenti aeronautici. Quindi questo sarà un compito importante.

L’EASA ha deciso di condurre questa attività in più fasi e di affrontare prima i seguenti tre tipi di operazioni:

Tipo di operazioni n. 1: volo internazionale di droni cargo certificati condotto secondo le regole del volo strumentale (IFR) nelle classi di spazio aereo AC e decollo e atterraggio negli aeroporti nell’ambito dell’EASA. Ad esempio, un A320 senza equipaggio che trasporta un carico da Parigi a New York.

Tipo di operazioni n. 2: operazioni con droni in ambienti urbani o rurali utilizzando rotte predefinite negli spazi aerei in cui vengono forniti i servizi U-space. Ciò include le operazioni di droni senza equipaggio che trasportano passeggeri o merci. Ad esempio i servizi di aerotaxi o di consegna pacchi che arrivano direttamente sul tuo balcone o sul tetto del tuo edificio o nel tuo cortile.

Tipo di operazioni n. 3: Operazioni come nel tipo 2, ma condotte con un aeromobile con pilota a bordo. In realtà questo dovrebbe coprire il primo tipo di operazioni di aerotaxi, dove il pilota sarà a bordo. In una seconda fase il velivolo sarà pilotato da remoto (operazioni di tipo 2)

Situazione in Svizzera

Aggiornamento del 21.06.2021

  • La Svizzera non ha ancora recepito il regolamento UE in materia di droni, ne ho parlato qui.
  • Il Consiglio federale è attualmente in contatto con l’UE in merito all’attuazione della mozione 20.3916 che lo incarica di «recepire il regolamento di esecuzione (UE) 2019/947 in modo che l’aeromodellismo tradizionale ne sia escluso e continui a sottostare al diritto nazionale».
  • Non può essere ancora comunicato un calendario preciso delle prossime tappe
  • Fino a nuove disposizioni, in Svizzera rimane vigente il diritto nazionale, qui trovi i dettagli. Il sito Internet relativo alla regolamentazione UE in materia di droni rimane attivo a scopo informativo.
  • La situazione riguardante le formalità di registrazione, la formazione e gli esami per telepiloti svizzeri è spiegata nelle FAQ (capitolo IX Mozione 20.3916 e regolamento EU in Svizzera)
  • Se vuoi informazioni sulla normativa vigente, ne ho parlato qui

Buoni voli

Lugano from drone - 11.07.2021

Lugano from drone - 11.07.2021

Patentino drone (Attestato A1 A3) - Come ottenerlo gratis
Volocopter, primo drone taxi approvato da EASA
Translate »