A circa un anno dalla sua entrata in vigore, l’Italia ha abrogato la misura secondo la quale i fornitori di prestazioni residenti in Svizzera dovevano richiedere un’autorizzazione presso il Ministero delle finanze italiano per partecipare agli appalti pubblici italiani, allineandosi quindi con gli obblighi internazionali che scaturiscono dall’accordo OMC sugli appalti pubblici nonché dagli accordi bilaterali tra la Svizzera e l’UE sugli appalti pubblici.

Maggiori informazioni presso il Dipartimento federale dell’economia.

Inaugurazione park&read
Google Street View: il Tribunale Amministrativo Federale dà ragione a Mister Dati

Informatics, ski racer, loves Finland, Norway, mountains, squash, photography, Drones and RC Helicopter – Snapchat: andrea.perotti

Translate »